Luoghi di interesse storico e naturalistico

Oltre a passeggiare nella natura e nei vicoli suggestivi del borgo autentico di Scontrone il visitatore è attratto dal suo panorama, delle abitazioni in pietra locale, dai murales che ornano facciate di case creati da fantasiosi artisti tra i vicoli e le piazze del paese, dal leone simbolo del paese e la Natività in pietra.

  • Nel territorio, nei pressi di Villa Scontrone, è presente una sorgente d’acqua sulfurea, li dove un tempo c’erano le terme del paese. La vita di Villa Scontrone si svolge per lo più nella bella piazzetta situata nei pressi della chiesa della Madonna del Carmine.
  • Non può mancare la visita all’antica Chiesa di Santa Maria, edificata a Scontrone prima del 1356, con i suoi capitelli romanici che testimoniano l’antica origine. Si possono inoltre visitare la Chiesetta di San Rocco e a 500 m ad ovest dell’abitato la Chiesetta di San Michele Arcangelo. E a Villa Scontrone la Chiesa della Madonna del Carmine.
  • Sempre a Villa Scontrone i ruderi del convento di Celestino V che vi soggiornò. Frà Pietro Angelerio si rifugiò nel territorio di Scontrone. A memoria di ciò nel 1235 fondò proprio qui il Priorato di San Giovanni D’Acquasanta e, qualche anno dopo, divenuto Papa Celestino V, ritornò in queste terre per far visita ai suoi confratelli.
  • I resti di un albergo termale con la sorgente di acqua sulfurea.
  • Per chi ama passeggiare nella natura si possono percorrere diversi sentieri naturalistici e rimanere affascinati dalla vista sulla Foce con le secolari faggete.

Ruderi del convento di Celestino V e terme sulfuree


La “foce”